TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
News
11/02/2014
Ascolto, condivisione e rete: per superare la crisi servono nuove relazioni
Il messaggio della nostra Bcc al convegno “Svoltare dalla crisi” che si è svolto sabato 8 febbraio a Busto Garolfo

tavolo convegnoAlla base ci sono le relazioni. Per uscire dalla crisi servono una rinnovata fiducia e la capacità di stare insieme. Questo il messaggio che la nostra Bcc ha lanciato in occasione del convegno “Svoltare dalla crisi”, che si è svolto sabato 8 febbraio nella sala Don Besana della sede della Bcc a Busto Garolfo, organizzato dalla società Equity Factory SA e moderato dal direttore della testata Innovare, Marco Tenaglia.
«Il ruolo che abbiamo giocato per imprese e famiglie del territorio fin dal primo momento, dalla fondazione oserei dire, è stato quello di aiutare a “svoltare dalla crisi”», ha introdotto il presidente della nostra banca, Roberto Scazzosi, presente al convegno insieme con il vice presidente vicario Ignazio Parrinello e Vittorio Pinciroli membro del CdA della banca. «È una nostra precisa convinzione di società cooperativa che dalla crisi si possa uscire soltanto se se ne esce insieme».
Serve quindi un cambio di mentalità, ovvero un differente approccio, un rinnovato concetto di relazione. «Parliamo un nuovo sistema relazionale dove nei confronti delle imprese ci si dedica all’ascolto per conoscersi meglio e per trovare le soluzioni migliori “tagliate su misura”; dove nei confronti del territorio ci si mette in rapporto in modo aperto per capire la situazione e dare vita a sinergie», ha spiegato nel suo intervento Adalberto Tomasello, responsabile dell’Area mercato della nostra Bcc. «La crisi ha evidenziato le specificità del Credito Cooperativo: una banca del territorio che vive con il territorio e per il territorio. Questo significa, per esempio, studiare e sviluppare prodotti dedicati come sono stati il Merito Casa, dedicato ad un mercato immobiliare in forte crisi e pensato per le giovani coppie, ma anche l’operazione degli Univabond - realizzata con l’unione degli industriale di Varese - che ha permesso di raccogliere fondi da ridistribuire sul territorio stesso. La filosofia è la stessa: in un momento di difficoltà è necessario che ciascuno sia disposto a fare la propria parte, facendo anche sacrifici. Del resto la crisi ha portato tutti verso una maggiore consapevolezza dei propri mezzi e del proprio ruolo». Del resto, «come sempre è accaduto nel corso della sua ormai lunga storia, la banca ha dovuto affrontare emergenze nuove e per alcuni versi non previste, per lo meno nella loro entità. Questi hanno tracciato un percorso ad ostacoli che ci ha portato sino a oggi dove, con un pizzico di ottimismo, riusciamo a vedere una luce in fondo al tunnel».
Maurizio Esentato, fondatore di Classis Capital SIM SpA, ha delineato la visione d’insieme sul sistema Italia, mentre Guidalberto Gagliardi, direttore di Equity Factory SA, ha detto dell’importanza che deve essere attribuita alle piccole e medie imprese, vero motore economico. Andare oltre la crisi è possibile, come hanno testimoniato due imprenditori: Marco Zavattoni, amministratore della Condoroil Srl di Casale Litta (Va) e Fabio Boggio, amministratore di Lasi Group EMS di Gallarate. Le conclusioni sono state affidare al vicepresidente vicario della nostra banca Ignazio Parrinello