TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
News
13/05/2015
Roberto Scazzosi confermato presidente
«Il mio grazie va alla fiducia dimostrata dai soci e dai consiglieri»

scazzosi assemblea 2015Roberto Scazzosi è stato riconfermato presidente della Banca di Credito Cooperativo di Busto Garolfo e Buguggiate. La nomina è arrivata martedì 12 maggio, durante il primo consiglio di amministrazione della Bcc dopo l'assemblea dei soci, che ha confermato nove degli amministratori uscenti. Roberto Scazzosi, 47 anni nativo di Cuggiono (MI), di professione avvocato, ricopre la carica di presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate dal settembre 2010. «Sono onorato, in primo luogo, dell’appoggio che i soci, in assemblea, hanno dimostrato a questo Cda -commenta il presidente-: è la prova che siamo stati all’altezza del momento complesso vissuto dal nostro territorio. Il mio personale grazie, poi, va a tutti i consiglieri che mi hanno rinnovato la fiducia per un triennio che si annuncia particolarmente impegnativo».

Con la presidenza di Scazzosi, il consiglio di amministrazione ha nominato Ignazio Parrinello vice presidente vicario e Mauro Colombo vice presidente. Scazzosi è stato nominato anche presidente del comitato esecutivo della Bcc; il vice presidente è Giuseppe Barni.

Il consiglio di amministrazione della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate per il triennio 2015 - 2017 risulta quindi così composto: Roberto Scazzosi presidente; Ignazio Parrinello vice presidente vicario; Mauro Colombo vice presidente; consiglieri: Giuseppe Barni, Danila Battaglia. Rinaldo Borsa, Vittorio Pinciroli, Diego Trogher e Andrea Rinaldi.

Il comitato esecutivo della Bcc è composto da: Roberto Scazzosi presidente; Giuseppe Barni vice presidente; Ignazio Parrinello, Mauro Colombo e Diego Trogher.

CDA 2015

Il nuovo CdA della BCC di Busto Garolfo e Buguggiate (da sinistra: Diego Trogher, Andrea Rinaldi, Mauro Colombo, Giuseppe Barni, Roberto Scazzosi, Danila Battaglia, Ignazio Parrinello, Rinaldo Borsa e Vittorio Pinciroli)