TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
News
13/06/2016
Gli scatti del filmaker Gianfranco Brebbia in mostra nella filiale di Varese

Dal 13 al 24 giugno sarà possibile scoprire le foto dell’artista sperimentale che documentano una stagione di grande creatività della Città giardino.

Si è aperta oggi e sarà visitabile sino a venerdì 24 giugno nella filiale di Varese della BCC di Busto Garolfo e Buguggiate in via Veratti la mostra “Idea assurda per un filmaker”, selezione di sedici scatti in bianco e nero dall’Archivio dell’artista Gianfranco Brebbia, curata dalla figlia Giovanna. Il percorso fotografico si sviluppa attraverso la selezione di fotografie in bianco e nero, alcune di queste realizzate dall’autore stesso, in alcuni casi con autoritratti, altre realizzate da altri fotografi che hanno voluto dedicare alla sua personalità di filmaker di cinema sperimentale immagini a volte molto teatrali. Spiega la curatrice Giovanna Brebbia: «Le fotografie selezionate, oltre a documentare l’amore autentico di Brebbia per il cinema, in particolare per il cinema sperimentale, offrono lo spaccato di un’epoca, gli anni Sessanta e Settanta, mettendo in luce uno straordinario momento di vivacità artistica nella città di Varese».
Gianfranco Brebbia nacque a Varese il 2 maggio 1923. Conseguiti gli studi presso la scuola Salesiana di Milano, all’età di 20 anni, durante la Seconda Guerra Mondiale, fu internato in Svizzera, dal 1943 al 1945. Durante l’internamento imparò il lavoro di sartoria, attività che continuò successivamente, dopo essere rientrato in Italia. Il contatto con la natura della terra elvetica gli conferì un gusto particolare che si riscontrerà nelle sue opere cinematografiche. Brebbia, fin da giovanissimo, si dedicò alla Fotografia e, solo nel 1962, realizzò il suo primo filmato con la cinepresa Bolex Paillard Reflex H8. Da quel momento, la sua cinepresa divenne parte integrante della sua vita. Scomparve improvvisamente a Varese, il 7 gennaio 1974, all’età di cinquant’anni, lasciando un prezioso archivio cinematografico custodito dal dicembre 2015 presso l’Archivio Storico della Cineteca Italiana di Milano.
La mostra sarà visitabile dal lunedì al venerdì negli orari di apertura della filiale: 8.20- 13.20; 14.35 – 15.45