TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
News
24/10/2016
Con il sostegno ai malati e l’impulso alla ricerca l’ospedale di Legnano potenzia la cura dei pazienti oncologici

Grazie al contributo della nostra Bcc l’ASST Ovest Milanese dà continuità a due importanti progetti: la figura del data manager oncologico e lo sportello di sostegno psicologico per i malati e i loro familiari

Due progetti, un unico obiettivo: potenziare la cura del malato oncologico. Grazie al contributo della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, l’ospedale di Legnano ha la possibilità di introdurre la figura del data manager nell’Unità operativa di Oncologia e dare continuità al servizio di sostegno psicologico per i malati e i loro familiari in collaborazione con la delegazione legnanese della LILT - Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori.
«È la dimostrazione concreta del significato di essere banca del territorio», ha spiegato il presidente della nostra Bcc Roberto Scazzosi nella conferenza stampa organizzata il 24 ottobre all’ospedale di Legnano. «Ci siamo messi all’ascolto delle esigenze e abbiamo dato una risposta in un ambito particolarmente delicato e sensibile quale quello sanitario. Questa iniziativa si inserisce però in un percorso ormai decennale che ci ha visto e ci vede al fianco della LILT sul tema della prevenzione oncologica».
Ha afferma Massimo Lombardo, Direttore generale ASST Ovest Milanese: «Ricerca, tecnologia, prossimità, parole scelte. La buona cura fonde tutte queste componenti. Ogni giorno il nostro sforzo è migliorare la scienza di vivere, per assicurare il maggior bene possibile al malato. E il contributo della banca si fa alleato nel nostro intendimento. Per questo il nostro è un grazie a tuttotondo».
Le figure dello psicologo e del data manager oncologico hanno un preciso obiettivo: «Migliorare le condizioni di vita del paziente oncologico». Ha spiegato Sergio Fava, direttore dell’unità operativa di Oncologia dell’ospedale di Legnano. «Il data manager è una figura professionale molto qualificata che si occupa della gestione degli studi clinici. È un profilo professionale relativamente nuovo che va ad inserirsi nell’ambito della ricerca clinica. A questa figura viene affidata la gestione e il coordinamento pratico delle sperimentazioni in corso; il data manager mira ad assicurare il corretto andamento delle stesse e il mantenimento della loro qualità, verificando che la conduzione dello studio clinico e la raccolta dei dati siano svolte in accordo con i rigidi criteri normativi che ne garantiscono il rispetto della scientificità e dei principi etici». Una figura che Fava non esita a definire «fondamentale» perché «l’oncologia è un ambito in costante evoluzione e richiede continui aggiornamenti. La ricerca è importante come la pratica clinica quotidiana perché permette di partecipare direttamente allo sviluppo delle innovazioni. Avere la disponibilità di una risorsa dedicata a studi sperimentali sia nazionali, sia internazionali che garantiscono l’evoluzione dei trattamenti oncologici è un’importante occasione che va a vantaggio di tutta l’oncologia, ma soprattutto dei pazienti. Si tratta di una figura che abbiamo già avuto all’interno della nostra Unità operativa ma che, non essendo prevista dagli organici ministeriali, comporta la necessità di reperire fondi ad hoc. Il contributo della Bcc ci permetterà di coprire buona parte dei costi per un anno».
L’altro progetto riguarda lo sportello di sostegno psicologico. Un servizio «determinante, attivo già da tre anni e che, grazie alla collaborazione della LILT e al contributo della Bcc, riusciamo a rinnovare e rendere disponibile gratuitamente», ha aggiunto Fava. Nello specifico, «parliamo di un’iniziativa per il supporto psicologico dei malati oncologici e delle loro famiglie», ha spiegato Anna Daverio responsabile della delegazione LILT di Legnano. «Si vuole dare l’opportunità al paziente e ai familiari di essere “seguiti” psicologicamente e di creare le condizioni affinché si possa affrontare in modo costruttivo la malattia che non è solo un fatto del singolo ma investe tutti. Molte volte infatti alcuni familiari reagiscono in modo critico e sviluppano a loro volta depressioni o stati ansiogeni che peggiorano il clima familiare, il paziente e loro stessi».
Questo perché «l’evento tumore rappresenta un vero e proprio trauma per il paziente e per i suoi famigliari. Il sostegno psicologico, che opera in collaborazione con il personale medico, diventa quindi fondamentale per affrontare la malattia, per rendere il percorso di cura più sereno e per comprendere che oggi le cure possono dare diverse speranze. Attualmente lo sportello è attivo una volta alla settimana; c’è la volontà di ampliarlo viste le molte richieste». Il servizio viene gestito dalla LILT all’interno dell’ospedale di Legnano.