TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
News
10/05/2017
Nella nostra Bcc è arrivata la Luna

In oltre 600 a vedere la roccia lunare che è stata esposta nell’auditorium Don Besana

La Luna è arrivata in Don Besana. Domenica 7 maggio sul palco dell’auditorium della nostra Bcc è stato esposto un frammento di roccia lunare grazie al progetto “Ti porto la Luna” promosso dal Gruppo di Ricerca Storica di Busto Garolfo in collaborazione con il CAT Circolo Astrofili di Trezzano sul Naviglio e la NASA, e con il supporto del Comune e della nostra banca. Oltre 600 le persone che tra le 14.30 e le 20 si sono alternate nell’accurata visita della roccia lunare, un frammento del peso di 109 grammi raccolto dall’astronauta James Irwin alla stazione 8, adiacente al modulo di atterraggio lunare, durante la missione Apollo 15 nel 1971.
«È veramente un onore per la nostra banca poter ospitare un’iniziativa così importante», ha detto il presidente della nostra Bcc Roberto Scazzosi chiamato sul palco. «È un evento decisamente unico che arriva proprio nell’anno del 120esimo di fondazione della nostra banca. È un regalo che, grazie alla collaborazione instaurata con il Gruppo di Ricerca Storica, offriamo al territorio con la certezza di contribuire alla divulgazione scientifica e alla crescita dei nostri giovani». Presenti in Don Besana anche il sindaco Susanna Biondi, la dirigente dell’istituto scolastico Tarra Giuseppina Francone, il presidente del CAT Norberto Milani e Federico Manzini dell’osservatorio astronomico di Tradate per la conferenza che Luigi Pizzimenti, presidente di ADAA (Associazione per la Divulgazione Astronomica e Astronautica) e persona cui la NASA di Huston ha affidato la roccia lunare prelevandola dal bunker laboratorio, ha tenuto alle 17.
L’iniziativa si è inserita nella prima edizione del Weekend della Scienza e ha visto nella serata di domenica 600 ragazzi delle scuole bustesi accompagnati dai loro genitori fare l’osservazione del cielo sotto la guida degli esperti del Circolo Astrofili di Trezzano.