TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
News
11/04/2013
La nostra Bcc in cattedra all'istituto Tosi

Più di 90 studenti di quarta superiore dell'indirizzo Amministrazione, finanza e marketing dell'istituto tecnico economico Enrico Tosi di Busto Arsizio hanno assistito alla lezione sulla finanza che la nostra Bcc ha tenuto nella mattina di giovedì 11 aprile. Il vice direttore generale Carlo Crugnola e Christian Croci dell'ufficio Retail e Consulenza avanzata della nostra banca hanno spiegato il modo di fare finanza di una banca di credito cooperativo. Un punto di vista particolare perché «le Bcc non fanno finanza per la finanza, ma utilizzano la finanza per sostenere il territorio e l'economia reale», ha detto Crugnola.
La particolare lezione è nata dallo stage che uno studente del Tosi ha fatto proprio nella Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate. «Da diversi anni abbiamo attivato una proficua collaborazione con la banca: vengono ospitati gli studenti in alternanza scuola-lavoro», ha detto Rosaria Ramponi, docente di Economia aziendale al Tosi. «Uno studente è rimasto particolarmente entusiasta dell'esperienza fatta in Bcc. Vista la particolarità della banca e il suo ruolo nei confronti del territorio, abbiamo chiesto di poter avere una testimonianza, una lezione di finanza, per far capire a tutti i ragazzi come opera una banca di credito cooperativo».
I ragazzi hanno seguito la lezione con grande attenzione: Crugnola e Croci hanno presentato la realtà del Credito Cooperativo e la specificità della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, introducendo i temi della crisi e presentando i valori che determinano le scelte dell'istituto di credito. Un solo esempio: «Non abbiamo prodotti derivati nel portafoglio dei nostri clienti: è questa una scelta precisa che discende dalla volontà di essere vicini al territorio e non fare finanza per la finanza», ha detto il vice direttore della banca. La Bcc ha sposato scelte responsabili, come i fondi di investimenti di Etica Sgr: «Soluzioni che hanno un importante fondo valoriale», ha concluso Crugnola.