TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

Comunicati stampa

 
Comunicati stampa
08/05/2014
Busto Garolfo, venerdì 9 maggio 600 alunni a lezione d'opera lirica

La Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate propone agli studenti delle primarie di Busto Garolfo e Olcella "La Serva Padrona" di Pergolesi messa in scena dall'associazione Amadeus

Una lezione particolare è quella che 600 alunni delle scuole primarie di Busto Garolfo e Olcella vivranno domani venerdì 9 maggio. Con "Tutti all'Opera!" la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, in collaborazione con il Circolo Culturale e Ricreativo della banca, torna a proporre una lezione-concerto per avvicinare i più giovani alle arie classiche: in scena l'associazione musicale Amadeus con alcuni brani tratti dal repertorio lirico buffo de "La Serva Padrona" di Giovanni Battista Pergolesi. «Pensiamo che un primo contatto, da bambini, con la musica d'arte, con un direttore, i musicisti e i cantanti, ma anche con una voce narrante che li aiuti nella comprensione di quanto accade sul palco e faccia scoprire il lato divertente di questa espressione artistica possa essere la via migliore per cominciare», premette il presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, Roberto Scazzosi. «Siamo convinti che la musica arricchisca ogni persona che vi si accosta, specie i bambini, in un'età, come è quella scolare, in cui le capacità di apprendimento e la curiosità sono ai livelli massimi».
Gli alunni coinvolti sono quelli delle classi di seconda, terza, quarta e quinta elementare, delle scuole primarie di Busto Garolfo "Giulio Tarra" e "Don Mentasti" e della scuola primaria di Olcella "Ferrazzi Cova". Davanti a loro l'orchestra Golberg, con Danilo Lamperti nei panni del servitore muto Vespone, Giorgio Valerio in quelli del ricco e attempato Uberto e Ilaria Torciani in quelli di Serpina, la giovane e astuta servitrice, metterà in scena "La Serva Padrona" ovvero una delle opere buffe di maggior successo di tutto il XVIII secolo. Composta su un libretto scritto da Gennaio Antonio Federico, fu eseguita la prima volta a Napoli al teatro San Bartolomeo il 5 settembre 1733, ha ispirato le opere di Mozart e poi di Rossini.
Due gli spettacoli previsti nell'auditorium Don Besana di via Manzoni 50: il primo alle 10 mentre il secondo alle 14.30 per permettere a tutti di seguire l'opera attentamente.