TAB SOCI LATERALE
Facebook
Twitter
Youtube
Newsletter
Linkiesta
Area Riservata
 
titolo

Comunicati stampa

 
Comunicati stampa
11/05/2015
La Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate sceglie la continuità: l'assemblea dei soci conferma il CdA e approva il bilancio 2014

Il presidente Roberto Scazzosi: «Nel 2014 abbiamo messo in campo le nostre risorse migliori per venire incontro alle esigenze di famiglie e imprese: l’economia dei nostri territori ha sempre più bisogno di Credito Cooperativo»

prefetto assemblea 2015Conferma del CdA uscente e sì al bilancio 2014: la BCC di Busto Garolfo e Buguggiate esce rafforzata dall’assemblea dei soci che si è tenuta domenica 10 maggio al Teatro Sociale di Busto Arsizio; assemblea che ha visto, nella prima parte, la presenza di Giorgio Franco Zanzi, Prefetto di Varese. Zanzi, nel suo saluto, ha voluto «attestare la propria vicinanza all’unica banca locale del territorio, banca che svolge una funzione importante nella vita economica e sociale locale. Guardando al passato –ha dichiarato il Prefetto–, penso che la perdita delle banche locali abbia inciso sulla competitività del territorio, ed è evidente come la vostra presenza costituisca un indubbio vantaggio grazie a quel patrimonio di conoscenza diretta e di rapporti interpersonali che si traduce in vantaggi per il cliente e la banca stessa; voi, infatti, potete fare l’uso migliore del database locale. Mi auguro sarete sempre vicini a questo territorio». Zanzi, sottolineando i progressi fatti in tema di sicurezza sul territorio per gli sportelli bancari, ha voluto ricordare e rivolgere i migliori auguri alla direttrice della filiale di Ciserano della BCC di Treviglio, ancora in ospedale dopo le ustioni riportate a seguito di un agguato incendiario.

All’ordine del giorno dell’assemblea figurava il rinnovo delle cariche sociali per il triennio 2015/2017, con la riduzione da tredici a nove dei componenti del CdA. «Tutto il mondo bancario è interessato da cambiamenti –ha ricordato il presidente della BCC di Busto Garolfo e Buguggiate Roberto Scazzosi–; per il Credito Cooperativo, allo stato, i cambiamenti sono gestiti da un processo di autoriforma che, se avrà successo, aprirà una pagina nuova nella storia ultracentenaria del movimento. Noi, con questa riduzione dei componenti il CdA, abbiamo voluto dare un segnale recependo le indicazioni date dall’Organo di controllo in materia di governance. Fino a qui avevamo lavorato sugli aspetti qualitativi degli organi aziendali, adesso abbiamo agito anche sotto il profilo quantitativo in ottemperanza alla decisione presa dall’assemblea dei soci nel 2014».

Di seguito l'elenco dei consiglieri eletti:
Area Busto Garolfo: Roberto Scazzosi, Giuseppe Barni, Vittorio Pinciroli, Rinaldo Borsa, Danila Battaglia
Area provincia Milano: Mauro Colombo
Area Buguggiate Varese: Ignazio Parrinello, Diego Trogher
Area provincia Varese: Andrea Rinaldi
Nella prima seduta del CdA saranno determinate le cariche.

Secondo punto qualificante dell’assemblea, il bilancio 2014, che la BCC di Busto Garolfo e Buguggiate chiude con un utile di 2 milioni 632mila 986 euro ante imposte, un +1% di impieghi alla clientela e un incremento del 7% della raccolta totale, dove spicca, all’interno della voce raccolta indiretta, la componente “raccolta gestita”, che ha segnato un +26%. Il patrimonio netto civilistico sale da 107milioni 571mila 062 euro a 116 milioni 123mila 102 euro. L’utile, detratte le imposte, ammonta a 1 milione 485mila 786 euro.

«Nel 2014 –sottolinea il presidente Roberto Scazzosi– nonostante la mancanza di forti segnali di ripresa e il permanere di tante situazioni di sofferenza, la nostra Bcc ha saputo mettere in campo le sue risorse migliori per venire incontro alle specifiche esigenze delle famiglie, degli investitori, degli imprenditori e delle realtà più importanti del territorio. L’economia dei nostri territori ha ancora bisogno, e sempre più bisogno, di Credito Cooperativo, perché l’esigenza di nuovo welfare, di nuova occupazione, di un nuovo modo di fare impresa e di fare credito sono un presente, e non un futuro. Con la nostra attività all’interno dei territori, continueremo a essere una risorsa per i territori e per l’Italia».

L’assemblea dei soci ha deliberato di destinare, come quota dell’utile, 401mila 162 euro ai fini di beneficenza e mutualità.

«Dopo anni negativi possiamo guardare con più fiducia al futuro –ha dichiarato il direttore generale della BCC di Busto Garolfo e Buguggiate Luca Barni–. Anche se, sulla base dei dati disponibili non possiamo parlare di sconvolgimenti, riscontriamo significativi segnali di cambi di rotta; abbiamo infatti aumentato la raccolta del 7% e gli impieghi dell’1%, contro un sistema bancario che nel 2014 ha segnato un -2% negli impieghi, e abbiamo registrato, per la prima volta da anni, un decremento dei crediti deteriorati netti del 6,2%. Abbiamo utilizzato tutte le possibilità messe in campo dalla BCE e stiamo destinando all’economia reale le risorse del Tltro ricevute lo scorso autunno. È nostra volontà perseguire tutte le possibilità per erogare credito e alimentare i timidi segnali di ripresa che ravvisiamo. Abbiamo rafforzato presso la clientela il nostro ruolo consulenziale, che significa proporre investimenti sempre più personalizzati, in linea con una politica aziendale orientata ai servizi ad alto valoreaggiunto. Questo sarà il core della redditività aziendale che contribuirà a consolidare il nostro bilancio, in attesa dell’auspicato cambio di trend nell’economia».

cda 2015