TAB SOCI LATERALE
Facebook
Twitter
Youtube
Newsletter
Linkiesta
Area Riservata
 
titolo

News

 
26/04/2010
Il Cenacolo vinciano e Santa Maria delle Grazie

È uno dei maggiori capolavori custoditi a Milano. E, anche se è già stata vista una prima volta, una seconda (o terza) visita fa sempre bene. È l'Ultima cena che Leonardo da Vinci eseguì nel Cenacolo del convento di Santa Maria delle Grazie tra il 1495 ed il 1498. Il Circolo culturale e ricreativo (Ccr) della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate propone per il 19 giugno un'uscita a Milano per visitare il Cenacolo vinciano e la chiesa di Santa Maria delle Grazie, uno dei punti più alti del Rinascimento; uno dei luoghi più visitati di tutto il capoluogo lombardo: infatti secondo gli ultimi dati disponibili del Tci, solamente nel 2008 sono state oltre 330mila le persone che hanno visitato il Cenacolo.
L'Ultima cena, che Leonardo realizzò per il duca di Milano Ludovico Sforza, rappresenta la scena dell'ultima cena di Gesù basandosi sul Vangelo di Giovanni, quando Gesù annuncia che verrà tradito da uno dei suoi discepoli. Non si tratta di un affresco, in quanto Leonardo non ha mai realizzato affreschi (per affresco infatti si considera una pittura stesa su uno strato di intonaco ancora fresco dove, a seguito del fenomeno di carbonatazione, il pigmento della pittura diventa parte dell'intonaco stesso garantendo una grande resistenza nel tempo), ma di una pittura su muro. Per i lunghi tempi di realizzazione e le frequenti correzioni, Leonardo prediligeva infatti dipingere su muro, così come dipingeva su tavola. La tecnica impiegata e l'uso di materiali organici, però, hanno determinato un degrado dell'opera fin dai tempi del Vasari. Scampato quasi miracolosamente ai bombardamenti della Seconda guerra mondiale, il Cenacolo è stato sottoposto ad una serie di restauri conservativi che hanno messo in luce la genialità dell'autore.
Di grande interesse è anche il convento di Santa Maria delle Grazie costruito a partire dal 1463 per volontà del duca di Milano, Francesco I Sforza. L'architetto Umberto Scopatello completò i lavori del convento nel 1469, mentre per la chiesa fu necessario attendere il 1482. Altri cambiamenti furono eseguiti quando, salito al potere, Ludovico il Moro decise di cambiare il chiostro grande e l'abside della chiesa. La costruzione fu terminata intorno al 1490 e vide una nuova tribuna ben più vasta della precedente, da alcuni attribuita al Bramante e da altri all'Amadeo.

Milano, Santa Maria delle Grazie
Sabato 19 giugno 2010

Cenacolo
Santa Maria delle Grazie




Programma:
Ritrovo nel primo pomeriggio presso la sede della BCC e partenza con autobus.
Ingresso alla mostra con guida.
Rientro previsto in serata.

Quota di partecipazione:
soci CCR e aggregati: 30 euro
soci BCC e clienti: 33 euro
Over 65: sconto 6 euro

Le iscrizioni devono essere effettuate entro il 5 maggio compilando la scheda di adesione che è possibile scaricare sotto.
Per informazioni, prenotazioni e conferme, è possibile rivolgersi ogni giovedì dalle 21 alle 22 alla sede del Ccr in via Busto Arsizio 23, sala Don Besana, a Busto Garolfo (tel/fax 0331 560211 - email ccrbustobuguggiate@alice.it). La scheda di adesione può anche essere imbucata nelle apposite cassette del Ccr che si trovano in tutte le filiali della Banca di Credito Cooperativo di Busto Garolfo e Buguggiate.