TAB SOCI LATERALE
Facebook
Twitter
Youtube
Newsletter
Linkiesta
Area Riservata
 
titolo

News

 
News
07/04/2020
Al fianco di 200 medici di famiglia e pediatri con i kit sicurezza

La nostra Bcc ha donato alla cooperativa di medici Gst i dispositivi per garantire una sicura operatività

«Mettere i pediatri e i medici di famiglia nelle condizioni di operare in sicurezza è una priorità. Perché sono la prima linea di difesa delle nostre famiglie. Sono i nostri dottori di riferimento, quelli a cui ci rivolgiamo per primi quando abbiamo un qualunque sintomo di malessere. Stanno combattendo una quotidiana battaglia e, come tutto il personale sanitario, stanno pagando un prezzo altissimo all'impegno per contenere l'epidemia». Roberto Scazzosi, presidente della nostra Bcc,  dopo aver acquistato un'attrezzatura urgente e necessaria per ognuno degli ospedali di Busto Arsizio, Legnano e Varese, annuncia la donazione di 5mila euro alla cooperativa dei medici Gst.

«La cifra sarà destinata all'acquisto di dispositivi di protezione individuale, che sin dall'inizio dell’emergenza scarseggiano, si fanno fatica a trovare e di cui abbiamo un gran bisogno», osserva Leonardo Vegetti, medico di famiglia a Legnano e presidente della cooperativa Gst, che raggruppa circa 200 tra medici di famiglia e pediatri di libera scelta che operano tra l’Altomilanese e la provincia di Varese. «Sono iniziative come questa della Bcc che ci fanno sentire la vicinanza del territorio e che, assieme alle tante manifestazioni quotidiane di stima ed affetto che ci arrivano dai pazienti, a volte anche solo con una mail o un messaggio di supporto, consolazione e fiducia, ci aiutano a superare il senso di abbandono da parte delle istituzioni - continua Vegetti -. In questo periodo stiamo facendo molta consulenza telefonica, cerchiamo di organizzare gli accessi in ambulatorio in modo da avere contestualmente il più basso numero di pazienti possibile per evitare affollamento e quindi rischio contagio e quando c'è la necessità andiamo a domicilio a vedere il paziente: è in queste occasioni che i dispositivi di protezione individuale sono ancora più necessari, tanto per noi quanto per le famiglie in cui entriamo in casa».

In una battaglia che si preannuncia ancora lunga e impegnativa, dove l’unico mezzo di contrasto alla diffusione del virus è il distanziamento sociale, permettere ai medici di operare in sicurezza è il primo passo per stare vicini alla propria comunità.