TAB SOCI LATERALE
Facebook
Twitter
Youtube
Newsletter
Linkiesta
Area Riservata
 
titolo

News

 
News
28/05/2018
I misteri del cielo svelati a Busto Garolfo

Dal 25 al 27 maggio è tornato il Weekend della Scienza promosso dal Gruppo di Ricerca storica, con il sostegno della nostra Bcc

Tutti con il naso all’insù per scrutare un cielo che è ancora pieno di misteri. Busto Garolfo ha celebrato tra venerdì 25 e domenica 27 maggio la seconda edizione del Weekend della Scienza. L’iniziativa, organizzata dal Gruppo di Ricerca storica di Busto Garolfo in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Tarra e il Circolo Astrofili Trezzano, il patrocinio del Comune di Busto Garolfo, della Farmacia Comunale e dell’Istituto Nazionale di Astrofisica e con il sostegno della nostra Bcc, ha richiamato moltissimo interesse. Non solamente per l’opportunità offerta a grandi e piccini di guardare il cielo con i telescopi, ma anche per l’elevata qualità della proposta. Protagonista della serata di venerdì, nel nostro auditorium Don Besana, Patrizia Caraveo astrofisica di fama mondiale, tra i primi studiosi a comprendere il ruolo fondamentale delle stelle di neutroni nell’astrofisica delle alte energie. La sua conferenza dal titolo “Siamo soli nell’universo? Come reagiremmo a un contatto con altri mondi?” ha richiamato molte persone tra le quali il sindaco e il vicesindaco di Busto Garoflo, Susanna Biondi e Ilaria Cova, il parroco don Ambrogio Colombo, il vicepresidente del Consorzio bibliotecario Luca Vezzaro e l’assessore alla Cultura del comune di Trezzano sul Naviglio Valerio Grassi. A dare il benvenuto a tutti, il consigliere della nostra Bcc Vittorio Pinciroli che ha richiamato l’importanza dell’iniziativa, l’ottimo lavoro svolto dal Gruppo di ricerca storica e il ruolo di una Banca di credito Cooperativo nel sostenere le iniziative di qualità.

Domenica pomeriggio, alle scuole Don Mentasti, è stato esposto il modello in scala 1:10 del razzo Saturno V che la Nasa utilizzò tra il 1967 e il 1973 in ben 13 missioni dei programmi Apollo e Skylab. Inoltre sono stati proposti dei laboratori per osservazioni al microscopio di muffe, funghi, lieviti, protozoi e batteri e c’è stata la possibilità di osservare il sole con i telescopi solari del Circolo Astrofili di Trezzano. L’osservazione notturna del cielo è purtroppo saltata per maltempo.

SCIENZAAA2

SCIENZAAA3