TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
News
04/05/2009
Lager nazisti: parlano i testimoni all’Itis Bernocchi

Sul palco uno dei drammi maggiori di tutto il nostro Novecento: il lager nazisti. Nell'ambito dei festeggiamenti per il 50° anniversario di fondazione dell'Itis Bernocchi, sostenuti dalla nostra Bcc, a Legnano sono andati in scena gli anni più bui di tutta la Seconda Guerra Mondiale. Ali orrori di un conflitto armato si sono aggiunti quelli perpetrati dai Nazisti ai danni di Ebrei e povera gente. Un unico motto alla serata: non dimenticare.
L'iniziativa è stata organizzata all'interno del Progetto Laboratorio di Storia, che ha come finalità il potenziamento dello studio della storia del Novecento in collaborazione con l'Anpi di Legnano e l'Aned di Milano (Associazione ex deportati politici nei lager nazisti). L'obiettivo principale è approfondire alcune tematiche storiche di particolare importanza nel Novecento, soprattutto la Shoah e la struttura dei lager nazisti attraverso la parola dei testimoni e dei sopravvissuti.
Due i lager presi in esame Treblinka e il più famoso Auschwitz
Treblinka
Il terzo centro costruito nell' ambito dell'Azione Reinhardt ( programma di sterminio ) è l'SS Sonderkommando Treblinka .
Situato a 80 chilometri a nord-est di Varsavia , nei pressi di Malkinia Gorna , in un nodo ferroviario lungo la linea Varsavia - Bialystok, 4 km a nord-ovest del villaggio di Treblinka e della sua stazione ferroviaria, e circa tre km dal villaggio di Wolka Okraglit.
Era riservato agli ebrei della capitale Polacca e dell' Europa centrale costretti a lavorare in cave dalle quali estraevano materiali usati per la costruzione di fortificazioni lungo il confine Tedesco - Sovietico. . In origine dotato di tre camere a gas , ben presto ne conterà dieci , diventando il principale campo di sterminio in attività .
In meno di due mesi , dal 23 luglio al 21 settembre del 1942 a Treblinka scompaiono più di 337.000 ebrei del distretto di Radom , 35.000 dal distretto di Lublino , 107.000 da quello di Bialystock e 38.000 dal Governatorato Generale . Stessa sorte tocca a migliaia di ebrei provenienti dai paesi limitrofi o più lontani ; 7.000 dalla Slovacchia , 8.000 dal campo di concentramento di Theresienstadt , 4.000 dalla Grecia e 7.000 dalla Macedonia . Tra le vittime anche 2.000 zingari . Dovendo operare nel pieno segreto , il campo è circondato da una doppia recinzione di filo spinato percorso dalla corrente elettrica ; la prima cinta , per eccesso di precauzione , è camuffata con delle frasche ; una seconda e più esterna recinzione , costruita in seguito , consistente di filo spinato e ostacoli anticarro (Cavalli Spagnoli). Torri di guardia alte 8 metri vennero piazzate ad ognuno dei quattro angoli del campo, e altre torri furono costruite nella zona di sterminio. Nell' intento di evitare qualsiasi atto di ribellione o di resistenza , qui come altrove si ricorre a degli espedienti per convincere gli ebrei dal fatto che si trovano in un campo di transito .
Auschwitz
Con il termine campo di concentramento di Auschwitz Birkenau si identifica genericamente l'insieme di campi di concentramento e il campo di sterminio costruiti durante l'occupazione tedesco nazista della Polonia nei pressi della cittadina polacca di Oświęcim (in tedesco Auschwitz) che si trova a circa 60 chilometri ad ovest di Cracovia.
Il complesso concentrazionario di Auschwitz svolse un ruolo fondamentale nei progetti di "soluzione finale della questione ebraica" - eufemismo con il quale i nazisti indicarono lo sterminio del popolo ebraico (anche se nel campo trovarono la morte anche molte altre categorie di internati) - divenendo rapidamente il più grande ed efficiente centro di sterminio. Oggi quel che resta di quel luogo è patrimonio dell'umanità.
Come per la maggior parte dei luoghi scelti per l'installazione dei campi di concentramento ,fu scelta una regione poco abitata , insalubre e paludosa , ma era al centro di quattro linee ferroviarie di notevole importanza.
Vogliamo ricordare quel luogo di orrore e di morte con una poesia scritta da un quindicenne internato nel campo:
« Mai dimenticherò quella notte, la prima notte nel campo, che ha fatto della mia vita una lunga notte e per sette volte sprangata.
Mai dimenticherò quel fumo.
Mai dimenticherò i piccoli volti dei bambini di cui avevo visto i corpi trasformarsi in volute di fumo sotto un cielo muto.
Mai dimenticherò quelle fiamme che bruciarono per sempre la mia Fede.
Mai dimenticherò quel silenzio notturno che mi ha tolto per l'eternità il desiderio di vivere.
Mai dimenticherò quegli istanti che assassinarono il mio Dio e la mia anima, e i miei sogni, che presero il volto del deserto.
Mai dimenticherò tutto ciò, anche se fossi condannato a vivere quanto Dio stesso. Mai.

(Elie Wiesel, tratto da La notte. Wiesel fu rinchiuso ad Auschwitz all'età di 15 anni)