TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
30/09/2013
“Mamma per mamme”: arriva la Tagesmutter, un servizio per la donna e la famiglia
Palazzo Leone da Perego, Legnano
Palazzo Leone da Perego, Legnano
Palazzo Leone da Perego LegnanoArriva anche nell’Alto Milanese e nel Varesotto la “Tagesmutter”, figura professionale specificamente formata per educare e curare uno o più bambini di altre famiglie al proprio domicilio. La presentazione al pubblico, in vista del corso di formazione della “mamma per mamme”, che darà il via al servizio sul territorio nei primi mesi del 2014, è in programma venerdì 4 ottobre alle 21.00 a Legnano, nel Palazzo Leone da Perego di via Gilardelli 10. Relatori della serata saranno i rappresentanti della cooperativa EnergicaMente di Castellanza, che gestirà il servizio, e di Domus, l’associazione nazionale che sostiene e promuove in Italia l’esperienza delle Tagesmutter organizzando corsi di formazione per le donne interessate a cogliere l’opportunità di un lavoro che concilia l'essere mamma che si mette al servizio di altre mamme. Il progetto è sostenuto dalla Bcc. «Quello delle tagesmutter è un progetto nato da un’associazione del territorio per dare un servizio al territorio ed è naturale per noi Bcc, unica banca locale nell’Altomilanese e nel Varesotto, crederci e dare un supporto –spiega il presidente Roberto Scazzosi–. In un momento difficile, in cui le esigenze di conciliazione tra famiglia e lavoro sono sempre più complesse, un progetto come questo rappresenta un vantaggio reciproco; per gli utenti che sanno di poter contare sulla persona cui affidano i figli e per chi, acquisita una professionalità, lavora». La tagesmutter  si differenzia dalla classica baby sitter perché professionalmente formata (la durata del corso, fra lezioni, laboratori e tirocinio, è di 3-4 mesi, al termine dei quali c’è un esame), perché segue una linea pedagogica precisa e concordata con la famiglia del bambino e perché in regola grazie al contratto stipulato dagli utenti del servizio con la cooperativa. Quest’ultima, oltre a garantire gli aspetti legali, assicurativi e di tutela socio sanitaria, certifica il rispetto degli standard qualitativi previsti, sia ambientali sia educativi.