TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
News
26/03/2014
Cooperative, dalla Bcc uno sportello per orientarsi nella finanza
La nostra banca rinnova la sinergia con Confcooperative Varese per rispondere alle esigenze delle coop e aiutare le famiglie

Barni confcooperativeLa nostra Bcc e Confcooperative Varese hanno trasformato il principio fondante caratteristico di ogni cooperativa in strumenti di sostegno e di aiuto alle società cooperative. Due interventi sono stati presentati nella conferenza stampa che si è svolta a Varese mercoledì 26 marzo: uno sportello di consulenza finanziaria e il rinnovo dell’accordo per l’anticipo della cassa integrazione straordinaria per i lavoratori e i soci lavoratori delle coop. «Un doppio intervento nel solco di quel principio che è alla base di ogni cooperativa: il mutualismo», ha sottolineato in apertura Mario Pozzi, componente del consiglio di amministrazione della nostra banca. «Rafforziamo la partnership con Confcooperative Varese non solamente perché la Bcc è una banca cooperativa che aderisce a Confcooperative, ma anche per riaffermare la necessità di creare sinergie sul territorio». E gli ha fatto eco il presidente di Confcooperative Varese Massimo Galli: «Le cooperative nascono per rispondere ad esigenze precise: alcune persone si mettono insieme per acquistare prodotti, costruire abitazioni, rispondere a bisogni sociali. Lo scopo mutualistico da cui partono è necessario, ma oggi non più sufficiente: sono imprese a tutti gli effetti e devono sapere come muoversi nell’ambito della finanza».
Lo sportello di consulenza dedicato alle coop varesine (che sarà aperto una volta alla settimana e su appuntamento da aprile nella sede di Confcooperative in viale Aguggiari 10 a Varese) è il risultato dell’esigenza di rafforzare le strutture delle imprese cooperative aderenti all’associazione. L’ufficio non sarà solamente un punto di orientamento, ma anche uno sportello di ascolto. «Parliamo di un punto di incontro tra banca e cooperative; un progetto articolato che, seguendo la filosofia che da sempre ha contraddistinto l’operato della Bcc, vuole essere una bussola per orientare le imprese», ha spiegato il direttore generale della Bcc Luca Barni che siede anche nel consiglio direttivo di Confcooperative Varese. «Oggi le cooperative incarnano il paradigma di Stephen Covey “vinco/vinci” dove il successo proprio non è a discapito di quello di altri, ma è frutto di interazione collaborazione e mutualismo». E i dati parlano chiaro: negli ultimi quattro anni caratterizzati da una profonda crisi, Confcooperative Varese ha mantenuto stabili i propri valori con 230 imprese associate capaci di dare lavoro a 3.800 persone, con 24.000 soci e un volume di affari di oltre 108 milioni di euro. Ha proseguito Barni: «Con lo sportello andremo non solamente a offrire un servizio di consulenza e di orientamento, ma anche a raccogliere le indicazioni, i bisogni e le istanze che ci arriveranno dalle cooperative per individuare delle possibili risposte, costruendo così dal basso nuovi servizi». In passato si parlava di “giganti dai piedi di argilla” riferendosi a cooperative molto grandi ma estremamente fragili sotto il profilo finanziario. «Come Confcooperative provinciale abbiamo lavorato molto per stimolare le nostre imprese ad una maggiore capitalizzazione», ha ricordato il direttore di Confcooperative Varese, Nicola Abalsamo. «È necessario fare un salto di qualità, andando a curare maggiormente gli aspetti finanziari. Con questo nuovo servizio prosegue l’impegno di Confcooperative Varese per essere sempre più vicina ai bisogni delle imprese aderenti, offrendo loro i servizi e i supporti necessari a sostenerne lo sviluppo. È un ulteriore tassello che si aggiunge ai nuovi servizi amministrativi, gestionali, giuslavoristici e fiscali messi in campo grazie all’avvio della nuova società di servizi alle cooperative “Eureka-SERvizi alla COOPerazione” operativa dallo scorso 1 gennaio, a seguito della fusione con la struttura di servizi promossa da Confcooperative Como».
Nell’ambito dell’incontro con la stampa è stato rinnovato anche l’accordo per l’anticipo della cassa integrazione straordinaria per i lavoratori ed i soci lavoratori delle coop che aderiscono a Confcooperative Varese. La nostra Bcc ha voluto confermare anche per il 2014 il proprio intervento destinando un plafond da un milione di euro. Per condizioni di accesso e le modalità di erogazione sono rimaste invariate rispetto all’anno scorso.