TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
News
20/05/2014
La nostra Bcc ha donato due pc uno smart tv alla polisportiva per disabili Polha
Ricomprate e consegnate le attrezzature che erano state rubate alcuni mesi fa all’associazione varesina. «Un gesto doveroso da una banca del territorio»

polhaTre mesi fa il furto. Ladri senza scrupoli erano entrati nella sede dell’associazione polisportiva per disabili Polha di Varese rubando un televisore e due computer portatili. Mercoledì 19 maggio, gli oggetti rubati sono stati ricomprati e donati al gruppo varesino. La nostra Bcc si è fatta carico di dotare nuovamente la polisportiva per disabili delle attrezzature necessarie per proseguire l’attività.
«Come banca del territorio non potevamo rimanere insensibili all’ignobile gesto del furto ai danni di un’associazione che da 32 anni opera in favore e in sostegno delle persone con disabilità», ha commentato Diego Trogher componente del consiglio di amministrazione della Bcc che, insieme con Massimo Tufano responsabile della filiale di Varese della banca, ha portato il materiale nella sede di Polha in via Valverde consegnandolo nelle mani del presidente e del vicepresidente dell’associazione varesina Daniela Colonna-Preti e Ambrogio Magistrelli. «Quando abbiamo appreso la notizia del furto ci siamo subito attivati al fine di poter intervenire, permettendo così all’associazione di proseguire nella sua normale quanto preziosa attività». E il gesto è stato particolarmente apprezzato. «Non è stata una nostra richiesta ma una proposta che ci è arrivata dalla Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate», ha commentato Colonna-Preti. «Solitamente siamo sempre noi che andiamo a bussare alle aziende a agli sponsor; questa volta però non abbiamo chiesto nulla. È un gesto che ci ha emozionato».
L’associazione Polha è nata nel 1982 per volontà di alcuni ragazzi disabili che desideravano fare sport come tutti i loro coetanei. Da allora ha fatto molta strada e oggi vanta più di 220 iscritti e la partecipazione di 25 atleti alle paralimpiadi sia estive sia invernali. «La nostra vocazione è fare attività sportiva per principianti, ma abbiamo allenatori e strutture capaci di seguire gli atleti anche nelle competizioni più impegnative», ha continuato la presidente. «Lo sport non è solamente pratica motoria, ma anche e soprattutto occasione per stare insieme, un elemento necessario quando ci si trova con una disabilità dovuta, per esempio, in seguito ad un incidente». I due pc portatili saranno utilizzati per la gestione dell’associazione; il televisore sarà invece non solamente il punto di ritrovo dove atleti e volontari potranno seguire le gare, ma servirà anche per rivedere filmati e immagini vista la connessione a internet. E, vista la brutta esperienza dei mesi scorsi, l’associazione si è dotata anche di un impianto di allarme per scoraggiare i ladri.