TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
News
23/03/2010
Univa e Bcc uniti per la ripresa

È stata presentato ieri, nella sede di Univa in piazza Montegrappa a Varese, il nuovo prodotto finanziario messo nero su bianco dalla collaborazione tra la nostra Bcc e l'Unione degli industriali di Varese. A presentare il prestito obbligazionario erano presenti il nostro presidente, Lidio Clementi, il direttore generale Luca Barni, il presidente di Univa, Michele Graglia e il direttore dell'Unione industriali di Varese Vittorio Gandini. «Ci troviamo di fronte non a uno strumento finanziario innovativo -ha detto Barni-, ma ad un innovativo utilizzo del prestito obbligazionario». Concetto ripreso anche da Graglia: «La necessità della ripresa ci ha portato a sfruttare strumenti finanziari esistenti con finalità di mutualismo e solidarietà». Una durata di 24 mesi, rendimento fisso annuo al 2,25%, taglio minimo sottoscrivibile pari a 1.000 euro: sono queste le principali caratteristiche del prestito obbligazionario emesso, e totalmente garantito, dalla Banca Credito Cooperativo di Busto Garolfo e Buguggiate. Essendo riservato, a sottoscriverlo potranno essere tutte le imprese e gli imprenditori associati all'Unione degli Industriali della Provincia di Varese, oltre che i soci e i manager delle aziende stesse. Con un obiettivo: creare, attraverso la raccolta, un plafond il cui ammontare verrà messo a disposizione per il finanziamento del sistema produttivo del territorio. L'iniziativa, intitolata "Imprenditorialità, finanza e territorio", mira, in sostanza, a raccogliere tra gli imprenditori del Varesotto i fondi necessari per finanziare altri imprenditori. L'importo complessivo del plafond sarà pari a quanto raccolto tramite la sottoscrizione del prestito obbligazionario, più una quota del 50% messa a disposizione da BCC. Con un target minimo iniziale individuato a 3 milioni di euro, dunque, verrebbe attivato un plafond di 4,5 milioni, a disposizione del sistema manifatturiero locale. «Quanto viene raccolto sul territorio viene ridistribuito sul territorio affinché questo possa crescere -ha detto il presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, Lidio Clementi-. È la precisa mission della nostra BCC: sostenere l'economia reale, sostenere le famiglie attraverso quello che il territorio dà».