TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
News
13/01/2010
Gli studenti della provincia di Varese a lezione d'Opera

È stato presentato mercoledì 13 gennaio, nella Sala Neoclassica di Villa Recalcati a Varese, il progetto "Alla scoperta della lirica: il Barbiere di Siviglia", promosso dalla Provincia di Varese con il sostegno della nostra Bcc e la collaborazione del Comune di Busto Arsizio, dell'Ufficio Scolastico Provinciale di Varese, fondazione Labus-Pullè, Teatro Sociale di Busto Arsizio, Circolo Accademico Culturale e ILOpera. Un'iniziativa dedicata ai giovani che coinvolge 157 classi di 43 istituti diversi della provincia di Varese -dalle scuole primarie alle superiori- per un totale di quasi 3mila studenti; un progetto ideato con il preciso scopo di avvicinare gli studenti alla pratica e alla cultura del teatro-musicale. Gli studenti saranno infatti accompagnati in teatro per assistere all'opera lirica "Il barbiere di Siviglia" di Rossini, eseguita dall'orchestra Microkosmos diretta dal maestro Fabio Gallazzi. Sono stati previsti cinque appuntamenti per gli studenti: due il 5 marzo a Varese, al Teatro Politeama, due l'11 marzo al Teatro Sociale di Busto Arsizio e uno il 12 marzo, sempre a Busto Arsizio. A conclusione, è previsto un concerto serale aperto al pubblico il 12 marzo a Busto Arsizio.
«Siamo partiti qualche anno fa con un progetto dedicato ai giovani che metteva al centro la musica. E proprio sulla musica abbiamo continuato ad investire per portare la cultura nel nostro territorio», ha detto il presidente della Bcc, Lidio Clementi, durante la presentazione del progetto. «Come banca, il nostro impegno per la crescita del territorio si esplica in molti fronti, dal sociale al sostegno all'economia locale, alla cultura. Vogliamo portare una proposta educativa di qualità nelle scuole del nostro territorio. È evidente la necessità di educare a conoscere l'opera perché chi è stato educato a conoscerla ha le chiavi per accedere a questo patrimonio. Chi non lo è, rischia di restarne escluso per sempre».
Il progetto si articola in tre fasi: dapprima sarà distribuito del materiale didattico alle scuole su cui poter iniziare a fare lezione in classe. In seconda battuta, saranno realizzati dei laboratori tecnico-artistici in classe per costruire costumi, scenografie e maschere, insomma, un teatro d'opera in scala ridotta. In questo modo gli studenti potranno scoprire i "mestieri" dello spettacolo e tutto quello che sta dietro alla realizzazione di un'opera lirica. Finito questo percorso, gli alunni andranno a teatro per scoprire dal vivo la musica lirica. Gli studenti parteciperanno così ad una vera "Lezione d'Opera" in teatro. L'Orchestra Microkosmos dal vivo e il suo direttore, il maestro Fabio Gallazzi, i cantanti lirici ed un narratore caleranno i giovani nel magico mondo dell'Opera con una presentazione degli strumenti musicali, dei registri vocali (basso, tenore, contralto o soprano), con l'ascolto della trama della storia e di arie scelte de "Il barbiere di Siviglia" con l'attiva partecipazione del pubblico.
«La valenza educativa dell'approccio alla musica è la risposta che la scuola deve poter offrire ai ragazzi come occasione e opportunità di crescita culturale, ma anche di ampliamento alle nozioni contemplate nel Piano dell'Offerta Formativa», ha detto il maestro Gallazzi. E questo progetto dimostra che «quando forze come queste si mettono insieme, il risultato che si raggiunge è enorme», ha osservato il dirigente dell'Ufficio Scolastico Provinciale di Varese, Claudio Merletti. Lo sforzo diventa quello di «avvicinare i ragazzi al "bello"», ha commentato Gianfranco Bottini, vicepresidente della Provincia di Varese ringraziando la nostra Bcc per l'importante collaborazione data. Questo «significa aiutare i giovani ad allontanarsi dalle molte deteriorità dalle quali sono avviluppati e blanditi con la speranza che possano trovare nella musica un riferimento non solo per facilitare le loro relazioni esterne ma anche, e soprattutto, i loro percorsi interiori». Del resto, ha ricordato il sindaco di Busto Arsizio, Gigi Farioli, «educare alla bellezza è il più importante degli investimenti che possiamo fare oggi. E la Bcc è sempre stata e sarà un compagno di viaggio importante per il Comune». Conferme dell'importanza del progetto sono arrivate anche dalla fondazione Labus-Pullè che gestisce il Teatro Politeama di Varese, presente con il suo presidente Pierpaolo Cassarà e dal Teatro Sociale di Busto Arsizio con il suo direttore artistico, Delia Cajelli.