TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
News
01/06/2009
Cinquantesimo del Bernocchi, gli studenti premiati

Molto più di bravi. Gli alunni dell'Itis Bernocchi di Legnano hanno dimostrato un particolare impegno anche quando non si tratta di materie prettamente scolastiche. Nell'ambito delle manifestazioni per il Cinquantesimo dell'istituto superiore - manifestazioni che sono sostenute della Banca di Credito Cooperativo di Busto Garolfo e Buguggiate - sabato 30 maggio il preside Giacomo Rinciari ha premiato gli alunni che si sono particolarmente distinti nelle attività extrascolastiche. «L'Itis di Legnano è l'esempio concreto di una scuola moderna, aperta al territorio e capace di formare i giovani -ha commentato il presidente della Bcc, Lidio Clementi-. Siamo onorati di accompagnare il Bernocchi nei festeggiamenti per i 50 anni e di sentirci vicini a tutti gli studenti che si sono impegnati nello studio e nella preparazione di progetti extrascolastici».
Parole di elogio sono andate al gruppo Arca (acronimo di Attività di ricerca e costruzione apparati scientifici), che ha progettato un circuito in collaborazione con la Croce Rossa Italiana di Legnano. Coordinato dal professor Francesco Lauricella, con il collaboratore Carlo Barbui, ha avuto il giusto riconoscimento con la premiazione di Daniele Chierichetti (IV EA), Angelo Marchi (IV EA), Raniero Alessandro (IV EA), Silvio Bergami (IV EA), Fabrizio Pravettoni (IV EA), Alessio Colombo (II B), Andrea Columpsi (II B), Vito Castellano (III Ra), Massimo Dragano (III Ra) e Serena Tassarollo (IV Lb). Nei "Giochi della chimica", che si sono svolti il 9 maggio scorso a Milano, hanno raggiunto dei notevoli risultati Alessandro Bonanno (II F) e Fabio Zanin (II C) che alle finali regionali, per la classe di concorso A (biennio itis) si sono piazzati rispettivamente diciassettesimo e ventiseiesimo. Nella classe di concorso B (triennio non chimici), un buon piazzamento è stato fatto da Luca Colombo (IV La).
Nel concorso dedicato alle vittime delle foibe e agli esuli istriani , concorso promosso dalla Regione Lombardia, quattro alunni si sono classificati al primo posto a pari merito con un liceo di Bergamo. Sono gli studenti del Laboratorio di Storia: Massimo Varano (III meccanici), Luca Campagnolo (IIF), Alex Carsetti (III Informatici) e Alessandro Gallo (IIF).
E ancora, Simone Giuriola e Andrea Cerini della V meccanici, guidati dal professor Bello, hanno ottenuto l'ottavo posto alconcorso nazionale di disegno meccanico promosso da ADM e Solidwork.Hanno ricevuto l'attestato il 3 aprile scorso all'Università di Brescia. Per l'impegno messo nel concorso dedicato alla memoria della Prima guerra mondiale promosso dalla Regione Piemonte, sono stati premiati Luca Campagnolo, Stefano Borroni e Alessandro Gallo. Si è classificato primo in Lombardia e settimo a livello nazionale il progetto dell'Itis che ha partecipato al concorso indetto dall'azienda Bticino e patrocinato dal Ministero della Pubblica istruzione. Agli alunni è stato richiesto un progetto per gli impianti di una residenza sanitaria assistita (rsa) che potesse far vivere pazienti con gravi handicap fisici una qualità di vita quasi normale ed una assistenza medica di buon livello. Il progetto richiedeva: gli impianti di illuminazione e motorizzazione delle tapparelle con tecniche domotiche, azionabili a distanza con telecomando o con il semplice passaggio del paziente, il videocontrollo delle camere per i casi di emergenza, l'antifurto, la filodiffusione, i sistemi di videocitofonia, il controllo a settori dell'impianto del riscaldamento e del condizionamento, gli allarmi tecnici per fumo, incendio ed allagamento. Gli allievi che hanno partecipato sono: Angelo Marchì, Omar Murgia, Alessandro Raniero e Jacopo Tamburini della IV EA, Spadoni, Saltatetti, Rescaldani della IV EB della sezione elettrotecnica, mentre Fabrizio Pravettoni ha ideato e realizzato il logo che ha fatto da copertina al progetto. Il coordinatore del progetto è stato il prof. D'Elia Francesco.
Una menzione speciale è andato al progetto S.U.S.T.A.I.N. (sustainable future students african italian network), campagna per l'avvio di progetti di cooperazione fra studenti italiani ed africani per fornire energia elettrica solare fotovoltaica a scuole e villaggi rurali a cui hanno partecipato due classi coordinate dal professor Zucca: la IV Ea e la IV Eb. «Sustain è una campagna diretta a coinvolgere le scuole italiane in progetti internazionali di cooperazione allo sviluppo di villaggi rurali poveri, centrati sulla diffusione di kit fotovoltaici che forniscono energia elettrica solare a scuole e villaggi, in modo sostenibile, semplice ed economico - ha spiegato il coordinatore-. La IV Ea e la IV Eb hanno realizzato un impianto fotovoltaico e lo hanno donato a una scuola in Mozambico. Studenti italiani che "donano" un kit fotovoltaico a una scuola di ragazzi africani, oltre a creare nuove relazioni di amicizia tra loro, compiono una formidabile azione di "anticipazione di mercato" a favore di fonti di energie che rispondono ai diritti dei popoli senza compromettere l'ambiente».
Una menzione speciale è andata anche agli studenti del laboratorio di Storia che hanno proposto in tre mattine al Cinema Ratti un loro lavoro dal titolo "Le fabbriche dello sterminio: Auschwitz e Treblinka". Lo spettacolo è stato visto da circa 500 studenti di diverse scuole di Legnano in occasione del Giorno della Memoria. Sono stati premiati: Alex Carsetti (III informatica), Massimo Varano (IV meccanica), Alessandro Gallo (IIF) e Jacopo Salmoiraghi (V informatica). L'attività è stata coordinata dai docenti Giancarlo Restelli, Guglielmo Zancan e Elena Giampietri.
Un ringraziamento particolare è andato a Umberto Silvestri, ex studente dell'Itis Bernocchi che ha dato un importante contributo alle manifestazioni per il Cinquantesimo suonando con il suo gruppo, "I Numantini" in due occasioni.
Non ultimi, per l'attività sportiva l'Itis ha voluto premiare dodici studenti, dando però un merito particolare a Christian Scioni per "la migliore interpretazione del vero spirito sportivo".