TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
News
16/12/2008
Auguri a tutti i soci della Bcc

Due tappe e un'intera giornata per fare gli auguri di Buon Natale e uno splendido 2009 a tutti i soci. La nostra Bcc ha voluto incontrare tutti i propri "azionisti" nel doppio appuntamento che è stato proposto domenica 14 dicembre. In mattinata, l'incontro si è svolto nella sede di Buguggiate, mentre nel pomeriggio la festa si è spostata nella sede centrale di Busto Garolfo. Più 800 soci si sono presentati per il momento conviviale che è stato organizzato alla presenza di tutto il Consiglio di amministrazione guidato dal presidente Lidio Clementi, dal vicepresidente Roberto Scazzosi e dal vicepresidente vicario Ignazio Parrinello. Un'occasione importante in vista delle prossime festività, ma soprattutto il momento per raccogliere le persone che "sono" la nostra banca. Lo spirito del Credito Cooperativo non è solamente una precisa strategia economica, ma è anche e soprattutto una rete di relazioni che, partendo dal concetto di mutualità, concetto che sta alla base di ogni bcc, porta la banca ad essere realmente rappresentativa di un dato territorio. Nei suoi 111 anni di storia, il Credito Cooperativo di Busto Garolfo e Buguggiate ha saputo diventare espressione sempre più viva di un territorio in costante cambiamento. Il legame con i soci, con le famiglie e gli imprenditori che operano sull'Alto Milanese e sul Varesotto, è fondamentale per proseguire in un cammino proficuo che ha fatto della nostra Bcc un punto di riferimento. E questo legame è stato rinvigorito dalle feste che sono state organizzate nelle due sedi della banca: più di seicento i soci che si sono presentati all'auditorium "Don Besana" i Busto Garolfo; a Buguggiate hanno risposto all'invito circa duecento persone. A tutti sono stati regalati l'agenda calendario 2009 della Bcc e il libro "Tra due fiumi. Il laboratorio naturale Ticino-Olona: Credito Cooperativo ed economia tra '800 e '900" scritto dal professor Pietro Cafaro.