TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
News
01/12/2008
I bambini di quarta dell’Arca a lezione di economia nella nostra Bcc

In tempi di crisi tutti si preoccupano di risparmiare, ed è proprio ora che emerge forse più chiaramente la necessità di educare al risparmio e alla gestione responsabile del denaro i più giovani, per questo la nostra Bcc ha organizzato per i bambini di quarta elementare delle scuole Arca di Legnano una visita per il prossimo 2 dicembre nella propria sede centrale a Busto Garolfo. "Educare al denaro è un'esigenza importante per le giovani generazioni - spiega Luca Barni, direttore generale della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate - Occorre prendere in considerazione la diversità delle nuove generazioni rispetto al passato. Il denaro è uno strumento di costruzione dell'identità perché permette ai ragazzi di cominciare a misurarsi con il mondo esterno alla propria famiglia in modo autonomo, magari anche sbagliando. In molti casi, di fronte a occasioni di scontro, le famiglie preferiscono mantenere il più totale controllo sul come vengono spesi i soldi da parte dei figli, dicendo semplicemente "quando hai bisogno di qualcosa basta chiedere". Ma non è la stessa cosa. Perché la paghetta è il sistema più semplice ed efficace per abituare i ragazzi a gestire il proprio denaro. Come Bcc vogliamo aiutarli su questa strada ed, infatti, abbiamo pensato per loro una serie di strumenti per aiutarli a crescere imparando una corretta gestione del denaro. L'educazione al risparmio deve essere parte dell'educazione civica. Occorre lavorare molto sul tema. Risparmio è un vocabolo che sembra ormai scomparso dal lessico dei piccoli".
Possiamo chiamarlo consumo critico o anche solo sano buon senso. Alla fine si tratta di recuperare quella sana cultura del risparmio che l'Italia ha sempre posseduto, onde evitare che poi il consumismo sfrenato conduca alcune famiglie a compiere gravi errori. "Vogliamo creare con questi incontri una vera educazione al denaro, di cui in quest'Italia si sente la mancanza - continua Luca Barni- , basta pensare alla quasi assenza totale di libri per bambini sull'argomento. L'educazione all'economia va rafforzata a partire dalle scuole e dalle famiglie. Questi incontri tra le scuole e il nostro staff posso essere un momento di riflessione per pensare ai valori di solidarietà e risparmio, sobrietà ed attenzione ai consumi, soprattutto in questo momento di crisi, ducando i bambini fin da piccoli, in modo graduale, ma responsabilizzante, a gestire piccole somme e a riflettere sul valore materiale delle cose. Come Banca di Territorio in questa campagna siamo in prima linea".