TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
News
13/09/2011
Le “Barbe d’Italia” in mostra a Legnano per il 150° dell'Unità

È stata inaugurata oggi martedì 13 settembre a Legnano la mostra "Barbe d'Italia". Allestita al Castello Visconteo fino al 25 settembre, ripercorre la nostra storia attraverso la moda del Risorgimento, quando esibire una certa foggia di barba o baffi voleva dire essere riconosciuto come militare o intellettuale, progressista o conservatore, patriota italiano o sostenitore del nemico austroungarico.
Nata da un'idea di Giovanna Mazzoni e di Enrico Ercole, Barbe d'Italia è promossa da Confartigianato Alto Milanese in collaborazione con l'associazione Atelier Gluck Arte di Milano, con il contributo del Comune di Legnano e della nostra Bcc. Filo conduttore dell'esposizione sono le undici riproduzioni di barbe "storiche" realizzate dal laboratorio Lia Parrucche di Legnano per far rivivere altrettanti personaggi del Risorgimento italiano; completano la mostra testimonianze d'epoca come giornali, figurini, documenti, libri, monete, francobolli e stampe, oltre ad autentici attrezzi da barbiere e alcune chicche, come le ciocche di capelli di Giuseppe e Anita Garibaldi. Esposte anche molte opere originali di artisti e artigiani del territorio, chiamati da Confartigianato Alto Milanese a dare il loro contributo all'iniziativa.


All'inaugurazione è intervenuta Cecilia Cardani per portare il saluto della nostra Bcc. "Per raccontare la storia d'Italia questa mostra dà la parola ad alcune delle realtà artigianali più vitali del Legnanese e dell'Alto Milanese -ha detto Cecilia Cardani-. Nel solco del percorso di collaborazione con Confartigianato, ormai consolidato, dare un contributo a questa iniziativa ci è sembrato bello, giusto e in linea con l'operato della nostra Banca".


La mostra Barbe d'Italia continua fino al 25 settembre nelle sale al piano terra del Castello Visconteo di Legnano, in viale Toselli 1.
Orari: 10-12 e 14-18 (chiusura sabato 17 settembre).
L'ingresso è libero