TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
News
11/04/2011
La nostra Bcc premia Sabrina Impacciatore come miglior attrice

Il premio Bcc per la migliore attrice è andato a Sabrina Impacciatore. Sabato 9 aprile, nella cerimonia di chiusura della nona edizione del BAFF - Busto Arsizio Film Festival, il presidente della nostra banca, Roberto Scazzosi è salito sul palco per premiare la famosa attrice per l'interpretazione all'interno del film "Diciotto anni dopo" di Edoardo Leo. Una pellicola che ha ottenuto diversi riconoscimenti: oltre al premio del pubblico, il film, di cui Leo è anche attore protagonista insieme a Marco Bonini e sceneggiatore, ad aggiudicarsi l'edizione 2011 del Baff con consenso di critica e di pubblico. Il film inoltre, ha ricevuto anche la prestigiosa candidatura per i David di Donatello come opera prima.
Davanti ad un parterre d'eccezione, in sala per la nostra Bcc c'erano oltre al presidente Scazzosi anche i componenti del consiglio di amministrazione Danila Battaglia e Vittorio Pinciroli, e il direttore generale Luca Barni, il Baff si è consacrato come appuntamento importante. Nella serata delle premiazioni infatti sono intervenuti al Teatro Sociale di Busto Arsizio molti nomi noti del cinema italiano: da Silvio Muccino ad Adriano Giannini, da Alessandro Haber a Monica Guerritore, dall'Impacciatore fino a Matteo Branciamore, oltre a Carlo Lizzani (presidente della giuria che raccoglieva anche Giacomo Scarpelli, Gianmarco Tognazzi, Alessia Barela e Silvia D'Amico Benedicò)), il premio Oscar Vittorio Storaro e Manuel De Sica, figlio dell'indimenticabile Vittorio, che proprio in occasione della chiusura del festival ha proposto in versione restaurata il capolavoro del padre, "Miracolo a Milano".
Il premio di miglior attore è stato assegnato ex aequo a Nino Frassica e Maurizio Casagrande per "La scomparsa di Patò" di Rocco Mortelliti e ad Adriano Giannini per "Sandrine nella pioggia" di Tonino Zangardi. L'opera "La prima notte della Luna" ha ottenuto il riconoscimento della miglior regia, a Massimo Guglielmi, e per la miglior scenografia (Davide Bassan). Per la sceneggiatura, il premio è andato a "La scomparsa di Patò", pellicola alla quale hanno lavorato Andrea Camilleri, Maurizio Nichetti oltre al regista Rocco Mortelliti. Come miglior opera prima è stata premiata "L'estate di Martino" di Massimo Natale, vincitrice anche come miglior montaggio (Paola Freddi). Luca Lionello è stato premiato come miglior attore non protagonista per "Passannante" di Sergio Colabona, mentre il premio speciale BA Film Commission è stato assegnato a Guia Jelo per "L'erede" di Michael Zampino. L'Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni ha assegnato il proprio premio speciale a Silvio Muccino; all'attore è andato anche il premio Made in Italy-scuole in collaborazione con Lions. In attesa del 2012, quanto il Baff celebrerà i suoi primi dieci anni, la nona edizione del festival ha fatto registrare numeri di grande rilievo: circa 10mila gli spettatori che hanno alle proiezioni mattutine, serali e agli eventi collaterali con un incremento del 15% rispetto all'edizione precedente. Complessivamente sono stati 20 i film presentati, 11 dei quali erano anteprime assolute).