TAB SOCI LATERALE
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Newsletter_icon
blog_icon_BG
 
titolo

News

 
News
11/06/2012
Scazzosi nel cda della Federazione Lombarda delle Bcc

La nostra Bcc entra a far parte del consiglio di amministrazione della Federazione lombarda delle Bcc. Roberto Scazzosi, presidente della Banca di Credito Cooperativo di Busto Garolfo e Buguggiate è stato nominato ieri, domenica 10 giugno, all'interno del Cda dell'organismo associativo che rappresenta le 45 casse rurali e bcc presenti in Lombardia. Si tratta di un ritorno nell'organo decisionale regionale: infatti la nostra banca è stata presente nel Cda della Federazione fino al 2005 quando il proprio rappresentante, il vicepresidente vicario Ignazio Parrinello, passò al Collegio sindacale della Fed.Lo.
«Sono molto onorato della nomina», osserva Scazzosi. «Questa è una nomina di rilievo che permette alla nostra banca di tornare a giocare un ruolo importante in ambito regionale soprattutto sulla base della revisione dello statuto della stessa Federazione. Viene riconosciuto non solamente l'operato della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, ma anche l'importanza del territorio nel quale operiamo da oltre 115 anni».
La Federazione Lombarda delle Banche di Credito Cooperativo è il soggetto di riferimento per tutte le 45 Bcc che operano in Lombardia. Fornisce alle banche rappresentanza, assistenza e consulenza, erogando servizi alle proprie associate. Si propone inoltre di promuovere la costituzione di Banche di Credito Cooperativo, di rafforzare il rapporto con le comunità locali di cui tali banche sono espressione, nonché di agevolare il loro sviluppo nell'interesse comune e nel rispetto dell'autonomia propria di ciascuna banca. La Federazione Lombarda costituisce, insieme alle altre 14 Federazioni locali ed a Federcasse, la struttura associativa nazionale delle Bcc.
«In un momento delicato come l'attuale, il credito cooperativo si conferma come un modello diverso di fare credito», prosegue Scazzosi. «Il modello Bcc, come già ribadito in occasione della proclamazione del 2012 quale Anno internazionale della Cooperazione, è motore di sviluppo che propone e sostiene una crescita che però parte dal basso; parte dall'economia reale. E l'apertura della Federazione ai rappresentanti delle singole Bcc è la dimostrazione di come la rete creata rappresenti effettivamente il territorio a cui si rivolge, dando risalto ai tre valori fondanti e caratteristici delle Bcc: cooperazione, mutualità e localismo». In Lombardia le Bcc raccolgono più di 156mila soci, offrendo occupazione diretta ad oltre 6.500 persone e offrendo una rete distributiva di oltre 750 sportelli. Grazie a questa rete capillare, il sistema Bcc lombardo è in grado di servire 1.100 comuni della regione raggiungendo circa l'85% della popolazione.