TAB SOCI LATERALE
Facebook
Twitter
Youtube
Newsletter
Linkiesta
Area Riservata
 
titolo

News

 
News
03/04/2020
Dalla nostra Bcc nuove attrezzature per gli ospedali di Busto Arsizio, Legnano e Varese

Scazzosi: «È determinante mantenere il flusso di aiuti alle nostre strutture ospedaliere». Aperto anche un conto corrente per convogliare le donazioni

Al fianco di chi sta in prima linea nella battaglia al Covid-19. In stile Bcc, la nostra banca si è messa in ascolto delle esigenze del territorio e ha deciso di sostenere gli ospedali di Legnano, Busto Arsizio e Varese – identificati come hub per i malati da coronavirus - donando macchinari e attrezzature. «Il protrarsi dell'emergenza sanitaria e la preoccupazione crescente per gli aspetti economici della vita di tutti noi rischia di anestetizzare le coscienze e di frenare la cordata di solidarietà che ha fin qui permesso di far arrivare gli indispensabile aiuti alle nostre strutture ospedaliere. Non ce lo possiamo permettere. Perché la battaglia contro il virus è ancora lunga e negli ospedali c'è un crescente bisogno sia di apparecchiature sia di strumentazioni e dotazioni monouso», afferma il presidente della nostra Bcc, Roberto Scazzosi.

«In accordo con le direzioni ospedaliere di Busto Arsizio, Legnano e Varese, abbiamo messo a disposizione di ognuno di loro i fondi per acquistare attrezzature ritenute urgenti e necessarie e, contestualmente, abbiamo aperto un conto corrente per raccogliere le donazioni di soci, clienti e famiglie che vogliono contribuire, anche con una piccolissima somma, a questa necessaria cordata di solidarietà a sostegno degli ospedali». La nostra banca si pone quale collettore «anche delle più piccole gocce di generosità», prosegue Scazzosi. «Sono certo che ognuno di noi farà quello che potrà, così che tutti assieme si possa raggiungere l'impensabile, come è accaduto per l’ospedale in Fiera a Milano».

Nel dettaglio, le attrezzature acquistate per i singoli ospedali

Busto Arsizio: per i nuovi posti letto del reparto di Terapia intensiva è stato messo a disposizione un ecografo MyLab XPRO 30 completo, con sonda lineare vascolare e una sonda cardiologica. «Ogni donazione che va a migliorare la cura dei nostri malati e agevola il lavoro dei nostri clinici è preziosa. Soprattutto in questa emergenza Covid-19 –commenta il direttore generale dell’ASST Valle Olona, Eugenio Porfido-. Per questo esprimiamo un grande grazie alla Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate».

Legnano: anche qui la richiesta è stata quella di un ecografo, in questo caso un Vivid T8 carrellato, fornito di sonde lineare vascolare, cardiologica e convex per general imaging, completo di stampante e accessori, che è stato destinato all'unità operativa di Medicina d'urgenza. «C'è ancora bisogno di tanto ed è necessaria la rapidità negli interventi e nelle decisioni -spiega Norberto Albertalli, presidente della fondazione degli ospedali, la onlus creata a sostegno degli ospedali di Abbiategrasso, Cuggiono, Legnano e Magenta-. Iniziative come questa della Bcc danno un concreto aiuto alla battaglia che stanno combattendo i nostri sanitari».

Varese: per il "Circolo" sono state messe a disposizione cinque stazioni di monitoraggio carrellate da triage e 300 kit di broncoscopi monouso da 10 con tablet. «Questa donazione rappresenta una conferma importante dell'affetto del nostro territorio verso la nostra Azienda -commenta il direttore generale della ASST Sette Laghi, Gianni Bonelli-. C'è un legame solido, storico, che rappresenta non solo una straordinaria risorsa strategica, ma anche una peculiarità specifica: non so se altrove esistono ospedali che possono vantare un rapporto così stretto e fertile con la comunità locale. A maggior ragione tengo a ringraziare la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate».

Come possono contribuire le persone: facendo una donazione sull'Iban IT 86 L 08404 32690 000000028790 del conto corrente aperto dalla Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate e intestato al Gruppo Volontari Protezione Civile Busto Garolfo onlus (indicando la causale “Emergenza ospedali”), così da rendere più semplici le certificazioni per gli incentivi fiscali sulle erogazioni liberali in denaro per l'emergenza da Covid-19 (detrazione dall’IRPEF di un importo pari al 30% del valore donato e per un massimo di € 30.000). Le somme raccolte saranno messe a disposizione per finanziare gli acquisti secondo le necessità che saranno segnalate dai tre ospedali del nostro territorio.